PPrenota una prova
Menu
+39 347 5221023

info@giorgiabertoldi.com

viale di Villa Pamphili 122A
Roma

Skip to Content

Blog Archives

Capelli che si spezzano: consigli e rimedi per l’acconciatura da sposa

Capelli che si spezzano: consigli e rimedi per l’acconciatura da sposa

 

Quante spose desiderano un’acconciatura corposa, piena e con una chioma fluente? Purtroppo, però, non sempre i nostri capelli sono della nostra stessa opinione: sono fragili, sfibrati e si spezzano facilmente. Don’t worry! In questo articolo vi spiego qualche rimedio per un’acconciatura perfetta anche con capelli fragili!

 

Una chioma corposa, sana e fluente è il sogno di tantissime spose che spesso sono preoccupate per lo stato dei loro capelli. Sono fragili, spenti, si spezzano facilmente e purtroppo a volte cadono. Ma come fare a tenerli lunghi per il grande giorno del “sì”?

 

In molti tendono spesso a tagliarli, levando quindi la parte rovinata e rinnovando le punte. Però, non sempre è necessario ricorrere a metodi così drastici. Vediamo insieme quali sono i rimedi e i miei consigli per un’acconciatura perfetta anche se i vostri capelli sono fragili.

 

Capelli che si spezzano: l’importanza del conditioner giusto

Nutrire, nutrire, nutrire! Dovrà essere il diktat per i vostri capelli che si spezzano, fragili e che cadono. Innanzitutto, potreste optare per alcuni conditioner di brand anche famosi che aiutano a mantenere i ponti di legamento dei capelli ed evitano la famosa doppia punta.

 

Ovviamente, i capelli che più si spezzano sono quelli sottili di natura, già stressati dal troppo uso di phon e piastre, shampoo aggressivi e acqua della doccia troppo piena di calcalare. Il mio consiglio, in questo caso, è di rendere la chioma più folta utilizzando delle extension con clip di cui vi ho parlo in questo articolo.

 

Capelli che si spezzano: tagliare? No, grazie!

Oltre alle extension, per la vostra acconciatura sposa, potrete lavorare per tempo per avere una chioma folta e corposa naturalmente. Non perdiamo di vista la possibilità di curarli per evitare di dover tagliare la parte rovinata e sfibrata.

 

Dunque, giochiamo d’anticipo! D’altronde, avrete almeno un anno o due per preparare la vostra chioma a splendere per il giorno del vostro “sì”. Dunque, oltre a un conditioner per un restyling delle punte da utilizzare una volta a settimana, cominciate a non utilizzare la piastra per un po’ di tempo.

 

Optate per una piega con phon e piastra leggera, o cercate di definirli senza sottoporli ad ulteriori stress oltre allo shampoo e all’asciugatura. Utilizzate sempre shampoo delicati e, se necessario, alternate impacchi di olio d’olive per nutrire i capelli più disidratate a maschere con miele, yogurt e avocado.

 

Nutrire i capelli dall’interno

Infine, potreste idratare e rendere più forti i capelli e le vostre unghie attraverso integratori a base di proteine come la cheratine, la metionina, cisteina, taurina e arginina, insieme a Vicamina C, Vitamina E e acido folico.

 

Capelli che si spezzano: consigli e rimedi per l'acconciatura da sposa

Giorgia Bertoldi Makeup and Hair Stylist 

READ MORE

Pelle secca nemica del make-up: beauty tricks da non perdere

Pelle secca nemica del make-up: beauty tricks da non perdere

 

Sappiamo bene quanto possa essere fastidiosa la pelle secca: pellicine, macchie, colorito spento e chi più ne ha più ne metta. Ma come trattarla al meglio e quali prodotti make-up utilizzare? Scopriamolo insieme in questo articolo!

 

Difficile da trattare come la pelle grassa, la pelle secca necessita di cure e attenzioni particolari, soprattutto nella scelta dei prodotti make-up giusti. Pellicine in bella mostra, pelle che tira, rossori e macchie: le difficoltà non sono poche.

 

Normalmente una pelle secca si nota meno di una pelle grassa con brufoli ed eccesso di sebo h24. Eppure, crea diversi disagi a chi ce l’ha, soprattutto quando arriva il momento del make-up. Ma nulla è impossibile! Vediamo insieme qualche trucchetto 😉

 

 Pelle secca: cosa è?

Prima di scoprire quali prodotti utilizzare, è importante chiarire cosa intendiamo per pelle secca. Questo ci aiuterà a riconoscerla e sapere di preciso che beauty routine seguire e quali prodotti evitare.

 

Si parla di pelle secca quando la cute non riesce a produrre sebo a sufficienza. Una pelle secca ha un aspetto sottile e fragile, appare visibilmente poco elastica, disidratata e anche desquamata.

 

La secchezza può interessare tutte le parti del viso, ma si concentra sul naso, sulle guance e anche nella zona del contorno occhi.

 

Le sue caratteristiche sono:

  • Sensazione di “pelle che tira”
  • Pori dilatati
  • Pelle poco tonica e particolarmente sensibile
  • Punti neri
  • Macchie
  • Colorito spento

 

Pelle secca: quale make-up scegliere?

 

Indubbiamente, una pelle secca ha bisogno di una profonda idratazione e di nutrimento. Dunque, cominciarla a curare dall’interno, bevendo almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, sarà sicuramente utile.

 

Per ciò che riguarda la scelta del make-up adatto, è consigliabile utilizzare prodotti dalla texture liquida, dal fondotinta al blush. “No” a polveri o a correttori cremosi, in mousse o pastosi: potrebbero evidenziare ancora di più le pellicine e i segni di espressione.

 

Anche il primer (idratante) potrebbe essere un grande alleato. Non solo per pelli grasse che devono limitare la lucidità: a voi regalerà una base di nutrimento fondamentale per un trucco long lasting senza pellicine e desquamazioni.

 

Insieme al primer, anche il blush è perfetto per voi. Con un incarnato spento come il vostro, un buon blush saprà regalarvi luce e freschezza. Per quanto belli, è meglio dire “No” ai rossetti mat, dalla texture troppo secca  e asciutta per voi: meglio optare per un rossetto cremoso e un gloss idratante e luminoso.

 

Infine, per la scelta del fondotinta, vi consigliamo di rinunciare a prodotti troppo pigmentati: le formule BB Cream o DD Cream, insieme alle creme colorate sono perfette per voi!

 

Pelle secca nemica del make-up: beauty tricks da non perdere

Giorgia Bertoldi Makeup and Hair Stylist 

Photo Credits: web

READ MORE