PPrenota una prova
Menu
+39 347 5221023

info@giorgiabertoldi.com

viale di Villa Pamphili 122A
Roma

Skip to Content

Blog Archives

Couperose e rosacea, tra le cause anche il freddo.

Couperose e rosacea, tra le cause anche il freddo.

Couperose e rosacea, tra le cause anche il freddo: colpisce moltissime persone, soprattutto donne, ed è fonte di grande disagio. Tra le cause sembra esserci anche il freddo e, in generale, gli agenti atmosferici. Ma come prendersene cura?

E quale tipologia di make-up prediligere? Scopriamolo insieme in questo articolo!

 

Nonostante le “gote rosse” siano spesso indice di salute e benessere, nel caso della couperose e rosacea – purtroppo – non è esattamente così. Si tratta, infatti, di una dermatite cronica benigna che, più comunemente, interessa soggetti con carnagione chiara.

 

Si presenta spesso sul viso, in particolare sulle guance, sulla fronte, sul naso ed è motivo di grande disagio per chi ne soffre. Le cause non sono ancora chiare, ma sembrerebbe che il freddo (insieme a eccessivo consumo di alcol, cibi speziati e stress), contribuirebbe a peggiorare la situazione clinica.

 

Couperose e rosacea sono la stessa cosa?

 

Ma come si distinguono queste due patologie? Secondo gli esperti, la couperose è solo uno degli stati della rosacea che, in questi termini, sembra riflettere un quadro clinico più complesso.

 

Cos’è la couperose

 

La couperose, infatti, viene definita come un inestetismo della pelle che interessa donne con più di 30 anni, che soffrono di cute sensibile e secca. Si presenta con un arrossamento intenso su alcune parti del viso come guance e naso, ma può arrivare anche al collo.

 

L’arrossamento, che inizialmente è transitorio, tende poi a trasformarsi in permanente. Il disturbo compare a causa di una grande fragilità capillare che può essere sia acquisita che congenita. Tra le cause, come detto prima, potrebbe esserci anche la sovraesposizione agli agenti atmosferici, ai raggi del sole e ad umidità.

 

Cos’è la Rosacea

 

A volte, la couperose può anche evolvere in rosacea, una vera e propria malattia infiammatoria della pelle comune sia tra le donne che tra gli uomini dopo 30 anni. Nei casi di rosacea, il viso è molto arrossato e interessato da lesioni anche brucianti e doloranti.

 

Tra le cause che portano a soffrire di rosacea, sembra che ci sia anche il forte stress, l’assunzione di alcool e i cibi particolarmente speziati.

 

Couperose e rosacea: i trattamenti

 

Per la couperose e la rosacea – e chi ne soffre lo sa – non esistono dei veri e propri trattamenti risolutivi. Normalmente, per trattare la couperose si fa riferimento a prodotti cosmetici come creme lenitive e calmanti.

 

Molto utili anche le protezioni solari con un fattore di protezione (SPF) 30 in inverno e più alta d’estate. Un’alternativa potrebbe essere anche quella di applicare foto riflettenti a base di argilla per tenere coperti i vasi sanguigni dai raggi solari.

 

Altre terapie fisiche più invasive prevedono anche di chiudere i vasi sanguigni più dilatati del viso ricorrendo al laser o alla luce pulsata, unici strumenti in grado di rendere meno visibili i segni della malattia.

 

Curare la rosacea, invece, risulta più difficile: per definire la terapia adatta bisogna tenere conto di tanti e diversi fattori, tra cui le cause scatenanti della malattia. Normalmente, si fa affidamento a farmaci vasocostrittori e antiinfiammatori. In ogni caso, se credete di aver sviluppato questa patologia, vi consigliamo di rivolgervi a uno specialista dermatologo.

 

Make-up con couperose e rosacea

 

In casi di couperose e rosacea, il make-up viene in nostro soccorso. Il primo step fondamentale sarà quello di utilizzare un primer fissativo pre make-up di colore verde, perfetto per “spegnere” le infiammazioni e i rossori presenti sul viso.

 

Secondo step, un fondotinta di altissima qualità adatto per pelli sensibili e a cui unire gocce di siero illuminante per un base super glow. Il terzo step, il blush, prevede molta cautela: stendetelo soltanto sulle parti interessate e non esagerate con il prodotto.

 

Infine, truccare gli occhi con ombretti dai toni caldi e morbidi. Unico diktat? Divieto assoluto di toni sul rossiccio per gli occhi, permessi quelli sulle labbra.

 

Couperose e rosacea, tra le cause anche il freddo: ecco come prendersene cura

 

Giorgia Bertoldi Hair and Makeup Stylist

READ MORE

“Vi presento il mio fantastico team”

 “Vi presento il mio fantastico team”

Vi presento il mio fantastico team, Perché è importante avere un team di lavoro per un make-up artist? E quanto incide sul risultato finale dei clienti? Scopriamolo in questo articolo!

 

Vedere la felicità negli occhi di ogni sposa è l’obiettivo principale di Giorgia Bertoldi Make-Up Artist. Per raggiungerlo è fondamentale lavorare in maniera coordinata e continuativa con un team formato e orientato verso gli stessi traguardi.

 

Non esiste un numero prestabilito di collaboratrici\collaboratori di un team di make-up: fondamentale, però, è che ognuno di essi abbia la sua specializzazione ed esperienza in un preciso settore. Nel caso di Giorgia Bertoldi make-up artist, era fondamentale che le sue collaboratrici avessero esperienza nel mondo del wedding e nelle sue declinazioni.

 

Soltanto così si potranno accontentare tutte le richieste di ogni sposa!
Ma non solo: tra gli altri requisiti necessari, un collaboratore di un team di make-up deve anche sapere gestire il lavoro in maniera autonoma, avere una grande capacità di problem solving e – come sappiamo- deve armarsi di tanta pazienza!

Giorgia Bertoldi Make-Up Artist: “Ecco come coordino il mio team di lavoro”

Il team di Giorgia Bertoldi Make-up Artist è formato da 3 collaboratrici fisse, un assistente e 2 collaboratori saltuari. “Le mie collaboratrici fisse sono professioniste formate sia nel make-up che nelle acconciature – spiega Giorgia -, e hanno una importante esperienza ventennale nel mondo del wedding, del cinema e della tv”.

Le collaboratrici esterne, invece, sono di supporto necessario nei momenti di intenso lavoro. “Di solito ci aiutano come capi reparto durante un grande evento in cui, né io né le altre riusciamo a coordinare il tutto”, aggiunge Giorgia.

Le richieste delle spose vengono gestite, in primis, da Giorgia. Chi sceglie di affidarsi a lei per il giorno del suo matrimonio, dunque, si interfaccerà con Giorgia per la prima prova trucco, per poi passare a Silvia (la sua prima assistente) che si occuperà di scegliere la giusta professionista per la sposa.

“Nonostante lo stile di lavoro molto simile, ogni membro del team ha la sua personalità – continua Giorgia -. Ecco perché ognuna di noi è specializzata in precisi settori, soddisfando così qualsiasi richiesta della sposa. Sono una professionista maniaca e se affido le mie spose alle mie collaboratrici è perché mi fido. Sono davvero fenomenali”.

l’importanza della formazione

Alla base di tutto ciò, la formazione di ogni collaboratore (sia esterno che fisso) è fondamentale. “Un periodo di stage insieme a me va sempre fatto, sia per quanto riguarda il make-up che le acconciature. E’ importante che il mio team capisca qual è il mio stile”.

“Il mio team è ben formato – sottolinea –. Ci conosciamo e lavoriamo da tanti anni insieme. Il segreto è essere sincronizzati in maniera perfetta e verso lo stesso obiettivo. Mi hanno seguito in questa pazzia e non c’è cosa più bella di questa”.

Giorgia Bertoldi Make-up Artist: il coraggio di avere un team

Inizialmente, Giorgia non aveva un team di collaboratori. Con il tempo e l’aumentare delle richieste, è stato necessario farsi affiancare da persone fidate che concepiscono il lavoro di look-maker per il wedding esattamente come lo vede lei.

“Le mie collaboratrici hanno un senso del dovere altissimo – aggiunge Giorgia -. Sono professioniste che, nonostante la molta esperienza, continuano a formarsi. Lavorare in un team vuol dire anche avere coraggio, perché affidare il tuo nome ad altri professionisti non è sempre semplice”.

“Posso dire che mi sento davvero serena ad affidare le spose che scelgono il mio brand alle mie collaboratrici e collaboratori. Ne vado molto orgogliosa!”, conclude Giorgia.

 

Giorgia Bertoldi Make-Up Artist: "Vi presento il mio fantastico team"

 

Giorgia Bertoldi Makeup & Hair Stylist 

READ MORE

Kit SOS trucco sposa: ecco cosa non dimenticare

Kit SOS trucco sposa: ecco cosa non dimenticare

 

Tra baci, abbracci e qualche lacrimuccia, il vostro make-up sposa per il giorno del “Sì” potrebbe risentirne. Ecco perché è importante arrivare preparate con un kit SOS trucco sposa. Cosa portare in borsa per ritoccare leggermente il make-up, senza combinare guai? Scopriamolo insieme in questo articolo!

 

Alcune spose non si porranno questo problema perché avranno la loro MUA per tutta la durata del matrimonio. Ma se stai leggendo questo articolo, probabilmente fai parte della maggioranza di spose che preferisce farsi truccare a casa, la mattina delle nozze.

 

Bene, niente panico! Sebbene il make-up sposa abbia una durata molto più lunga del solito trucco quotidiano, non è infinito. Potrà quasi sicuramente sbavare o rovinarsi. Dunque, meglio prepararsi bene con pochi prodotti da tenere in pochette o da consegnare alle vostre damigelle. Vediamoli insieme!

 

Kit SOS trucco sposa: gli immancabili

 

Tre prodotti saranno immancabili nel vostro kit SOS trucco sposa: il rossetto, la matita e la cipria. Definiti da noi make-up Artist “salvavita”, sono i tre pilastri del make-up sposa (e non solo) capaci di salvarci in ogni situazione.

 

Ma un ruolo fondamentale l’avranno le Blotting Papers. Quante di noi odiano l’effetto lucido su fronte e naso? Ecco la soluzione. Si tratta di veline opacizzanti, spesso in carta di riso, cipriate, capaci di assorbire l’eccesso di sebo in pochissimi gesti. Basta tamponare le veline sui punti critici del viso e il gioco è fatto!

 

Ritoccate, infine, con cipria, rossetto e matita per un risultato fresco e ordinato. Per il rossetto, vi consiglio di scegliere insieme alla vostra MUA di fiducia una tonalità adatta alle vostre labbra e ai vostri colori, e ricordate: i rossetti liquidi hanno una maggiore durata, ma seccano molto le labbra. Dunque, valutate bene.

 

Kit SOS trucco sposa: gli extra per essere sempre al top

 

Importanti anche dei cotton fioc per rimuovere il trucco in eccesso o ritoccare qualche sbavatura del rossetto o della matita. Non dimenticate anche un piccolo campioncino del vostro profumo preferito, un po’ di borotalco se voleste rinfrescarvi e due o tre mollette per i capelli.

 

Giorgia Bertoldi Make Up & HairStylist

Photo Credits: Pintrest

READ MORE

Un Trucco Naturale per la Sposa

Un Trucco Naturale per la Sposa.

Se sei una Sposa che ama un look naturale, questo può essere il trucco adatto a te, se poi sei indecisa sul make up dai toni caldi o freddi ma tenui come il rosa, allora sono stata molto brava a sciogliere tutti i tuoi dubbi.

Questo make up è realizzato con i nuovissimi imbratti di huda beauty; ho utilizzato sei toni naturali, impreziositi con un rosa tenue ed ho voluto dare quel pizzico di luce in più con un ombretto oro al centro della palpebra mobile.

Il mio tocco d’intensità è dato dal fantastico eye-liner di mac cosmetic e poi l’ho sfumato per dare al make up la giusta morbidezza. Mascara top too faced.

Da provare e ditemi cosa ne pensate!

 

Giorgia Bertoldi Make Up Artist

READ MORE

Il Trucco della Sposa

Il Trucco della Sposa.

Come si sceglie la Make Up Artist per la Sposa?

Ve lo racconto in questo video.

Giorgia Bertoldi

Esperta in Trucco Sposa a Roma

READ MORE

Come scegliere la truccatrice per il tuo matrimonio

Come scegliere la truccatrice per il tuo matrimonio.

 

READ MORE

Il Lavoro di una Make Up Artist

Il Lavoro di una Make Up Artist.

 

 

READ MORE